REGOLAMENTI NAZIONALI DELLE PROVE DI LAVORO SU OVINI 1/7/19

REGOLAMENTI NAZIONALI DELLE PROVE DI LAVORO SU OVINI

REGOLAMENTO DEL TEST DI ATTITUDINE NATURALE ALLA CONDUZIONE “FCI-NHAT”

REGOLAMENTI NAZIONALI DELLE PROVE DI LAVORO SU OVINI dal 01/07/2019

In vigore dal 1 luglio 2019

Approvato dal Consiglio Direttivo dell’ENCI del 11 ottobre 2016
su conforme parere della Commissione Tecnica Centrale del 28 settembre 2016
Modificato dal Consiglio Direttivo dell’ENCI del 21 marzo 2019
su conforme parere della Commissione Tecnica Centrale del 17 gennaio 2019

ENCI – REGOLAMENTO TEST DI ATTITUDINE NATURALE ALLA CONDUZIONE NHAT

Natural Herding Aptitude Test

1. INTRODUZIONE
Il test ha lo scopo di verificare l’attitudine delle razze da pastore alla conduzione del bestiame.
Questo tipo di lavoro è stato l’obiettivo primario di selezione operata dai pastori attraverso i secoli
e ha determinato un comportamento tipico con risposte specifiche a determinati stimoli.
Le caratteristiche comuni alle razze di cani da pastore per il lavoro della conduzione sono:

  • interesse nei confronti del bestiame
  • disponibilità a collaborare con il conduttore
  • controllo del movimento del bestiame
  • predisposizione naturale al bilanciamento in posizione opposta al conduttore

Dato lo scopo e la natura del test, i cani devono evidenziare queste caratteristiche di base. Il test rappresenta uno strumento utile per le associazioni di razza per preservare le attitudini specifiche delle razze da conduzione ai fini della selezione e dell’allevamento e per verificare l’equilibrio del carattere del cane.
E’ importante rilevare che solo l’addestramento e l’esperienza permetteranno al cane di affrontare i test di lavoro (HWT) e le prove di lavoro, in cui i soggetti più dotati potranno esprimere al meglio le proprie attitudini naturali.

2. CONDIZIONI GENERALI
Il Test FCI di Attitudine Naturale alla Conduzione (NHAT) è aperto alle razze di cani da pastore conduttori secondo quanto previsto dal Regolamento Generale Nazionale Delle Prove Di Lavoro Dei Cani Su Bestiame a cui si rimanda.
L’età minima per partecipare al test è di 6 mesi.
Non sono ammessi al TEST cani che non siano in buono stato di salute.
Le femmine in calore devono essere tenute separate e partecipare al test per ultime.
I cani possono avere un collare. Durante il test il cane non può avere la museruola.
Si auspica che il cane non abbia addestramento specifico sul bestiame, mentre è gradita un’obbedienza di base (stop, seduto, terra e richiamo).
I risultati del TEST devono essere registrati sul libretto di lavoro.
Giudici: devono essere abilitati a giudicare le prove di lavoro su bestiame. Il giudice deve valutare il comportamento del cane e può interrompere il test in qualunque momento. E’ compito del giudice verificare l’identità del cane controllando il microchip prima dell’inizio del TEST.

3. ORGANIZZAZIONE
Per tutto quello che riguarda l’organizzazione generale e lo svolgimento dell’evento si dovrà fare riferimento al Regolamento Generale delle Manifestazioni Canine emesso da ENCI e al Regolamento Generale Nazionale Delle Prove Di Lavoro Dei Cani Su Bestiame. Il Comitato Organizzatore del Test opera con la collaborazione del CLB (Cani da Lavoro su Bestiame).
E’ compito del Comitato Organizzatore fornire un’area adatta allo svolgimento del Test, i recinti per il bestiame, i capi necessari e l’assistenza dovuta.
Il test può essere condotto sia su ovini che su bovini.
Il bestiame deve essere scelto in modo che ogni partecipante possa lavorare con animali dalle stesse caratteristiche. Di preferenza gli animali utilizzati per il test dovrebbero provenire tutti dallo stesso gregge o mandria ed essere di tipo o razza simile tra loro. Devono essere abituati ai cani ed
essere in buona salute.

Il Comitato Organizzatore deve assicurarsi di avere un numero sufficiente di capi per evitare che i singoli lotti di animali vengano stressati ed impiegati più volte del necessario. L’area in cui è condotto il test deve essere lunga almeno 75 metri e avere un’ampiezza tale da fornire uno spazio attorno al recinto di almeno 10 metri tra questo e i confini del campo. Il recinto deve avere un diametro compreso tra gli 8 e i 16 metri, per una circonferenza di 20 – 25 metri. La dimensione è in relazione al tipo e numero di animali.
La recinzione deve essere adeguata a contenere il bestiame e non permettere l’ingresso ai cani, se non consentito. Per test su bovini devono essere previste una o due zone di sicurezza.
Per ciascun Test, il numero minimo di capi è di 10 per gli ovini e 4 per i bovini. Gli animali devono essere cambiati frequentemente, ogni 3 o 4 cani testati.
Il numero di cani ammessi al test non può essere superiore a 30 al giorno per ciascun giudice.

4. SVOLGIMENTO DEL TEST
Il cane è giudicato in base alle sue attitudini come cane da conduzione.
Il test è suddiviso in due parti, la prima ha lo scopo di verificare la socializzazione e l’equilibrio del carattere del cane mentre la seconda parte valuta la sua attitudine naturale come cane conduttore.

5. PARTE 1: SOCIEVOLEZZA E EQUILIBRIO
a) Contatto con le persone
Il giudice entra in contatto con il cane per verificare la sua socievolezza ed il suo auto controllo. Il giudice ha la possibilità di valutare il carattere del cane già dal momento della verifica del microchip.
Il cane, tenuto al guinzaglio dal conduttore, passa tra un gruppo di persone.
Non sono tollerate né aggressività, né paura nei confronti delle persone, mentre verrà ammessa una naturale reazione di diffidenza, tipica di numerose razze di cani da pastore.
b) Contatto con i cani
Il conduttore con il cane al guinzaglio passa tra altri cani tenuti al guinzaglio. I cani del gruppo devono comportarsi in modo calmo. Anche in questo caso il cane esaminato deve mostrare un comportamento neutro nei confronti degli altri cani.
c) Sensibilità ai rumori
Durante questa parte del test, il giudice o un suo assistente provocano un forte rumore improvviso. Il cane può reagire senza mostrare paura, è ammessa una naturale reazione di vigilanza. Il rumore può essere prodotto da qualcosa tipo lo scoppio di un palloncino o di una borsa di plastica o altri rumori simili. Non è ammesso lo sparo.
d) Rapporto col conduttore
Il giudice dovrà verificare il rapporto che il cane ha con il suo conduttore in ambiente sconosciuto.
Non deve essere giudicato come un esercizio di obbedienza, ma di un corretto rapporto uomocane.
Il cane rispetta il conduttore (posizione e comandi) e collabora con lui. Si richiede che il cane abbia un buon rapporto con il conduttore, che è verificato durante un breve percorso di campagna con il cane libero dal guinzaglio.
e) Ostacolo
Il cane deve essere condotto attraverso un ostacolo tipo un salto non eccessivamente alto o una piccola rampa.
f) Assenza del conduttore
Mentre il cane viene tenuto al guinzaglio dal giudice o da un suo assistente il conduttore si allontana di almeno 15 metri e si ferma al segnale del giudice. Il cane non deve mostrare stress o panico.
g) Richiamo
Su segnale del giudice il conduttore richiama il cane dopo che questo è stato liberato.

6. PARTE 2: ATTITUDINE DEL CANE ALLA CONDUZIONE
Il giudice deve dare al cane occasione e tempo sufficienti a mostrare le sue attitudini.
Durante il test il giudice può dare suggerimenti al conduttore, per incoraggiare o accompagnare il cane. Il conduttore può incoraggiare il cane con la voce, ma non con gioco o bocconi.
a) Avvicinamento al bestiame
Dalla posizione iniziale del test il conduttore con il cane al guinzaglio cammina attorno al recinto al cui interno si trovano gli animali, assicurandosi che il cane li noti, e stimolando l’interesse.
b) interesse a distanza
Il conduttore con il cane al guinzaglio torna alla posizione di partenza, a una distanza di circa 50 metri dal recinto. Su segnale del giudice, il conduttore inizia a camminare lentamente verso il recinto e, dopo avere camminato per una decina di metri, libera il cane dal guinzaglio. Può essere usato un comando per dare libertà al cane. L’interesse del cane nei confronti del bestiame è valutato dal momento in cui il conduttore inizia a camminare. Il conduttore inizia a camminare verso il recinto senza dare alcun segnale o comando al cane. È molto apprezzato il fatto che il cane dimostri interesse già a una certa distanza dal bestiame.
c) contatto con il bestiame
Il giudice può chiedere al conduttore di camminare attorno al recinto, cambiare direzione o fermarsi. I cani che mostrano l’istinto di girare attorno al recinto per trovare il punto di bilanciamento in posizione opposta al conduttore, dimostrano in modo molto chiaro la corretta attitudine alla conduzione. Per stimolare l’interesse del cane, il giudice può chiedere al conduttore di entrare nel recinto senza il cane e far muovere il bestiame.
Il giudice può chiedere al conduttore di entrare nel recinto con il cane al guinzaglio. Se il cane mostra la giusta attitudine, il giudice può decidere di far liberare il cane. Nel caso il cane mostri un comportamento aggressivo o al contrario pauroso o indifferente, il test viene interrotto.
d) Interesse e Iniziativa
Durante il test, il cane deve dimostrare interesse per gli animali per almeno 2 minuti. Per stabilire l’iniziativa del cane, il giudice valuta positivamente la capacità del cane a controllare il movimento del bestiame in assenza di comandi da parte del conduttore.
7. VALUTAZIONE
La parte 1 del test della socievolezza e equilibrio e la parte 2 dell’attitudine alla conduzione devono essere giudicati separatamente.
Test di socievolezza e equilibrio TS
Viene così valutato: TS superato; TS non superato o Squalificato (S) in caso di aggressività.
Cani che non passano questa prima parte del test non possono essere ammessi alla seconda parte.
Attitudine alla conduzione AC
Valutato con qualifiche di: Molto Buono (MB), Buono (B), sufficiente (S), insufficiente (I).
Valutazione complessiva:
Idoneo, rifiutato, o Squalificato (S) in caso di eccesso di aggressività.
Nel caso in cui il cane sia rifiutato perché insufficiente nella seconda parte del Test, si potrà presentare nuovamente, ripetendo l’intero test: parte 1 e 2.

I cani squalificati non potranno più ripetere il test.
L’attitudine alla conduzione è un insieme di caratteristiche e capacità ereditate che rendono un cane utile al controllo del bestiame, greggi o mandrie. È un comportamento stereotipato, naturale e finalizzato dei cani da pastore, non è il risultato di apprendimento o addestramento.
Il superamento de NHAT da accesso all’iscrizione ai test di lavoro HWT Collecting e Traditional Style Il presente regolamento entra in funzione dal 1 luglio 2019 e sostituisce precedenti regolamenti
NHAT, TANC, CANT.

Appendice: elenco delle razze ammesse ai test e Prove di lavoro su ovini

Standard Nome della razza Gruppo
15 Cane da Pastore Belga 1
16 Bobtail (Old English Sheepdog) 1
38 Welsh Corgi Cardigan 1
39 Welsh Corgi Pembroke 1
44 Pastore della Beauce 1
55 Puli 1
56 Pumi 1
83 Schipperke 1
87 Cane da Pastore Catalano 1
88 Shetland 1
93 Cão da Serra de Aires 1
113 Pastore della Brie 1
138 Cane da Pastore dei Pirenei a faccia rasa 1
141 Cane da Pastore dei Pirenei a pelo lungo 1
142 Slovakian Chuvach 1
156 Cane da Pastore Scozzese a pelo lungo 1
166 Cane da Pastore Tedesco 1
171 Bovaro delle Ardenne 1
176 Cane da Pastore di Picardia 1
191 Bovaro delle Fiandre 1
194 Cane da Pastore Bergamasco 1
223 Cane da Pastore Olandese 1
238 Mudi 1
251 Cane da Pastore di Vallée 1
271 Bearded Collie 1
277 Cane da Pastore Croato 1
287 Australian Cattle Dog 1
293 Australian Kelpie 1
296 Cane da Pastore Scozzese a pelo raso 1
297 Border Collie 1
311 Cane Lupo di Saarloos 1
313 Schapendoes 1
332 Cane Lupo Cecoslovacco 1
342 Pastore Australiano 1
347 Pastore Svizzero Bianco 1
45 Bovaro del Bernese 2
46 Bovaro dell’Appenzel 2
47 Bovaro dell’Entlebuch 2
58 Grande Bovaro Svizzero 2
340 Cão fila de São Miguel 2
14 Västgötaspets 5
135 Lapphund svedese 5
189 Lapinkoira 5
212 Samoyedo 5
237 Norsk buhund 5
284 Lapinporokoira – Pastore Finlandese della Lapponia 5
289 Pastore Islandese 5

In vigore dal 1 luglio 2019 in sostituzione dei precedenti

  • Regolamento Nazionale Generale per le Prove di Lavoro su Ovini
  • Regolamento Nazionale per Prove di Lavoro tipo Collecting Style (all’inglese)
  • Regolamento Nazionale per Prove di Lavoro tipo Traditional Style (interrazza)
  • Regolamento Nazionale per Herding Working Test tipo Traditional Style (interrazza)
  • Regolamento Nazionale per Herding Working Test tipo Collecting Style (all’inglese)

ENCI – REGOLAMENTO GENERALE NAZIONALE DEI TEST E DELLE PROVE DI LAVORO DEI CANI SU BESTIAME

  1. INTRODUZIONE
  2. a) Il seguente regolamento generale si applica a tutti i Test e le prove di lavoro su bestiame, congiuntamente ai regolamenti specifici per ogni tipo di test o prova.
  1. b) Le prove di lavoro su ovini per cani delle razze da pastore conduttori sono manifestazioni cinotecniche organizzate allo scopo di verificare le qualità naturali del cane secondo la razza di appartenenza nonché la sua attitudine ad apprendere l’addestramento specifico.

Le prove hanno lo scopo di individuare e di far conoscere, ai fini del miglioramento selettivo e dell’allevamento, i soggetti più idonei al lavoro con il bestiame.

  1. c) Obiettivo del percorso di gara è: permettere di verificare la capacità del cane di condurre in maniera appropriata un gruppo di pecore nelle diverse circostanze che possono essere incontrate nel lavoro di tutti i giorni e che possono anche presentare una certa variabilità. Le prove devono evidenziare le capacità di gestire correttamente e con il minimo stress possibile un gruppo di pecore e le conoscenze e abilità necessarie per un buon utilizzo del cane da pastore. Il lavoro su bestiame permette di preservare le attitudini specifiche delle razze da conduzione ai fini della selezione e dell’allevamento.
  1. DIFFERENTI TIPI DI TEST E PROVE
  2. a) Collecting Style CS (o all’inglese) su grandi spazi in cui il cane lavora lontano dal conduttore. Riservato alla razza Border Collie
  1. b) Traditional Style TS (o interrazza) con un percorso che simula quello dei pastori transumanti con ostacoli il più possibile di tipo naturale. Per tutte le altre razze di cani da pastore conduttori dei gruppi FCI: 1-2-5, esclusi i Border Collie (vedi Art. 6: a, b; c; d.)
  2. c) Tipi di test:

– NHAT – Natural Herding Aptitude Test: Test di attitudini naturali alla conduzione del bestiame; aperto a tutte le razze da pastore di cani conduttori (vedi Art. 6: a, b; c; d.);

– HWT CS – Herding Working Test: Test di lavoro in stile Collecting; aperto solo a Border Collie che hanno superato il NHAT;

– HWT TS – Herding Working Test: Test di lavoro in stile Traditional; aperto ai cani da pastore conduttori (allegato 1), che hanno superato il NHAT. Sono esclusi i Border Collie. (vedi Art. 6: a, b; c; d.).

  1. d) Tipi di prove:

– HT CS – International Herding Trials in Collecting Style CS, aperto solo a Border Collie che hanno superato HWT CS;

– HT TS – International Herding Trials in Traditional Style TS, aperto ai cani da pastore che hanno superato HWT TS (vedi ALLEGATO 1), sono esclusi i Border Collie.

  1. IL COMITATO ORGANIZZATORE
  2. a) Il Comitato Organizzatore è responsabile dell’organizzazione e di tutto quello che riguarda

l’organizzazione generale dell’evento. Per quanto non elencato, si deve fare riferimento al Regolamento Generale delle Manifestazioni Canine emesso da ENCI.

Il Comitato Organizzatore di ciascuna prova opera sotto la responsabilità del CLB (Cani da Lavoro su Bestiame) che è affiliato con l’ENCI; il Comitato Organizzatore, con l’autorizzazione del CLB, determinerà il numero di iscritti per ogni classe, il costo dell’iscrizione e tutti i premi. Le Associazioni Specializzate delle razze da pastore di cani conduttori, possono organizzare le prove su ovini anche in autonomia.

  1. b) Il Comitato Organizzatore è composto da membri con l’incarico di:

– assicurare la presenza di tutti gli aiutanti necessari,

– rendere pubblico il programma dell’evento ai conduttori e all’esperto giudice,

– preparare le schede di giudizio e prevedere assistenti per l’esperto giudice,

– provvedere a un servizio veterinario,

– preparare il percorso del campo di prova secondo le indicazioni del giudice,

– supervisionare l’esecuzione di ciascuna prova garantendo nei limiti del possibile l’omogeneità delle condizioni,

– collaborare con l’esperto giudice seguendone le istruzioni,

– controllare le qualifiche di conduttori e cani affinché gareggino nella classe giusta,

– allontanare i cani dal campo di gara prima e dopo la rispettiva effettuazione del percorso,

– sovraintendere alla disciplina dei concorrenti e a quella del personale addetto,

– consegnare a ogni concorrente la scheda di giudizio compilata e firmata.

  1. c) Il Comitato Organizzatore deve nominare un Direttore di campo, che deve essere sempre presente ed è responsabile del corretto svolgimento della prova e della gestione del bestiame. Il Direttore di campo deve essere disponibile per il giudice per tutta la durata dell’evento e informarlo su tutti i dettagli riguardanti il campo di prova e il numero di iscritti.
  1. d) Prima dell’inizio della prova il Direttore di campo esegue il sorteggio dei turni dei cani concorrenti. Tale sorteggio deve essere eseguito con la collaborazione dei concorrenti presenti.
  1. e) Il Direttore di campo è poi a disposizione dei concorrenti per fornire eventuali chiarimenti sul percorso o sugli esercizi una volta che, iniziata la prova, non è più possibile interpellare l’esperto giudice.
  1. f) Eventuali reclami o obiezioni durante la prova devono essere rivolte al Direttore di Campo e non all’esperto giudice.
  1. L‘ESPERTO GIUDICE
  2. a) Il comitato organizzatore può invitare giudici FCI compresi nell’elenco ufficiale approvato

dall’ENCI o da organismi esterni riconosciuti dalla FCI. Relativamente al Collecting Style, per le prove e non per i test, potranno essere invitati anche giudici della UK riconosciuti ISDS.

L’esperto giudice, anche se straniero, è tenuto ad applicare le norme del presente regolamento.

  1. b) Il comitato organizzatore può decidere di formare una giuria composta da più giudici. In tal caso il punteggio finale del concorrente sarà la media dei punteggi assegnati.
  1. c) L’esperto giudice sarà disponibile, presso il ritrovo dei concorrenti, almeno mezz’ora prima dell’inizio della manifestazione e non potrà lasciarla prima che questa sia conclusa, salvo casi di forza maggiore. Il Comitato Organizzatore, in caso di forza maggiore, o quando lo ritenga opportuno per il buon andamento della prova, può apportare variazioni alla composizione della giuria senza doverne dare preventiva comunicazione ai concorrenti.
  1. d) I giudici hanno piena autorità nella scelta del percorso, ostacoli e loro sequenza, nonché nello specificare come dovranno essere eseguiti i singoli esercizi e come verranno valutati.

Al briefing prima dell’inizio della competizione, i giudici illustreranno il percorso ai concorrenti.

  1. e) L’esperto giudice potrà avere, se lo richiede, un segretario di gara e un cronometrista e potrà essere accompagnato da un assistente esperto giudice.
  1. f) Il giudice è autorizzato a fermare e a escludere dalla competizione un concorrente a causa di infortunio o per qualsiasi altro motivo, anche se questi non è d’accordo.
  1. g) Le schede di giudizio devono essere compilate con i punteggi ottenuti e le qualifiche,

firmate dal giudice e consegnate ai concorrenti.

  1. CAMPO di GARA E ATTREZZATURE
  2. a) Il terreno sul quale si svolgono le prove, deve essere sufficientemente vasto.
  3. b) Il percorso è preparato dal Comitato Organizzatore secondo le indicazioni dell’esperto giudice nel rispetto dei regolamenti.
  1. c) Precauzioni dovranno essere prese per evitare la fuga del bestiame e per il loro contenimento prima, durante e dopo la prova. è bene prevedere la presenza di un buon cane di servizio.
  1. d) Il pubblico deve avere a disposizione uno spazio riservato e non può accedere al campo di prova che deve essere delimitato in modo ben visibile. Né prima, né durante la prova i partecipanti o altre persone, possono lasciare entrare i cani nel campo di prova.
  1. e) L’uso del terreno destinato alle prove è vietato dalla sera precedente l’inizio della prova.
  2. I CANI
  3. a) Sono ammessi ai Test e alle prove i cani conduttori delle razze da pastore e bovari, comprese nell’elenco ufficiale F.C.I. gruppi 1-2-5 e riconosciuto dall’ENCI, come da elenco allegato. Può tuttavia essere autorizzata la partecipazione anche di soggetti di razze diverse da quelle sopra elencate in rapporto ad attivitàù speciali.
  1. b) I soggetti partecipanti alle prove devono essere iscritti in un libro genealogico italiano o straniero riconosciuto dall’ENCI.
  1. c) I soggetti non iscritti a un libro genealogico o non appartenenti a una razza riconosciuta sono ammessi a partecipare; essi saranno classificati ma non qualificati e riceveranno la scheda di giudizio con relativi punteggi ottenuti. Il Comitato Organizzatore, in accordo con il CLB, è responsabile della scelta del tipo di Test o prova (collecting o traditional) più adatta per i singoli soggetti.

Rimane inteso che per i cani non iscritti in un libro riconosciuto FCI non saranno trasmessi in ENCI i fogli di giudizio e che questi cani saranno esclusi da qualunque titolo ENCI – FCI (CAC ecc.).

  1. d) I cani castrati, monorchidi o criptorchidi possono partecipare ai test e alle prove.
  2. e) Tutti i partecipanti devono essere identificati mediante lettura del microchip. Tutti i cani di proprietari italiani che partecipano alle prove devono essere muniti di libretto delle qualifiche o documento equivalente (che potrà essere differenziato per cani non iscritti in un libro origini riconosciuto FCI) su cui devono essere riportati i risultati ottenuti.
  1. f) Tutti i cani che partecipano alle prove devono soddisfare i requisiti di addestramento e capacità di lavoro richiesti dai regolamenti dei due tipi di prove di lavoro previste (Collecting o Traditional).
  1. g) I concorrenti con femmine in calore devono segnalarlo all’organizzazione prima dell’inizio della prova e non potranno portarle sul campo di gara sino a quando non autorizzati dal Direttore di Campo.
  1. h) Durante la competizione, i cani non possono indossare nulla, nemmeno un collare (tranne durante il NHAT). Il conduttore deve portare con se guinzaglio e collare.
  1. i) Il cane può ripetere NHAT e HWT, ma non nella stessa giornata di prove.
  2. j) L’età minima per accedere al NHAT è di 6 mesi; per l’ HWT di 12 mesi (sia per CS, sia per TS).
  1. LE PECORE
  2. a) Le pecore devono essere selezionate in modo tale che tutti i concorrenti possano lavorare con pecore dello stesso tipo. Pertanto, è preferibile che le pecore utilizzate per le prove provengano dallo stesso gregge e siano simili in tipo e taglia.
  1. b) Le pecore devono essere abituate a lavorare con i cani, in buone condizioni di salute e forma.
  1. c) Gli agnelli devono essere svezzati; possono essere usati insieme alla madre se sono sufficientemente sviluppati e in buone condizioni.
  1. d) Il Comitato Organizzatore deve assicurarsi di avere pecore in numero sufficiente in modo tale che ciascun gruppo di animali non debba essere sottoposto a stress e non venga utilizzato un numero di volte superiore a quanto fissato dai regolamenti specifici CS e TS. Le pecore devono essere cambiate dopo ogni percorso di prova.
  1. e) Durante le prove deve essere garantito il benessere degli animai di cui sono responsabili il comitato organizzatore e il direttore di campo.
  1. I CONCORRENTI
  2. a) L’iscrizione alle prove è regolamentata dal Regolamento Generale delle Manifestazioni Canine emesso dall’ENCI e in vigore dal 1 gennaio 2009.
  1. b) Ogni proprietario o conduttore può partecipare con uno o più cani. Il conduttore deve essere membro di un’associazione riconosciuta dall’ENCI o dall’FCI. Il comitato organizzatore può decidere di fissare un numero massimo di cani che possono essere presentati dallo stesso conduttore.
  1. c) Ogni conduttore deve essere pronto alla chiamata del Direttore di campo e in caso non si presenti può essere squalificato dall’evento.
  1. d) Con l’atto dell’invio dell’iscrizione il conduttore dichiara di conoscere e accettare il regolamento delle prove per cani da pastore, e tutte le norme ufficiali emanate dal C.L.B. e dall’ENCI per le manifestazioni riconosciute.
  1. e) I conduttori, senza il proprio cane, possono ispezionare il percorso prima dell’inizio della competizione.
  1. f) Se un cane non può partecipare per qualsiasi motivo, il proprietario deve avvisare immediatamente l’organizzatore dell’evento.
  1. g) Il conduttore deve fornire alla segreteria il libretto delle qualifiche del cane o qualsiasi altro documento equivalente dove devono essere annotati tutti i risultati.
  1. h) I concorrenti devono essere consapevoli che, nonostante l’intenzione di seguire strettamente il programma, si possono verificare degli imprevisti e che quindi non sempre potranno essere garantite le tempistiche.
  1. i) Briefing: prima che la prova inizi, il giudice, coadiuvato Direttore di campo, dovrà chiamare tutti i conduttori e illustrare loro i dettagli relativi alla competizione. Qualsiasi domanda o chiarimento devono essere fatto in questo momento, prima dell’inizio del test o della prova.
  1. j) Durante la prova, dal momento in cui il team (conduttore e cane) inizia la prova, il lavoro del conduttore è sotto la valutazione e l’autorità del / i giudice / i.
  1. k) E’ dato per scontato che il conduttore conosca il percorso e lo segua con precisione;
  2. l) Il conduttore può impartire comandi con la voce, il fischietto o con gesti con le braccio o il bastone, o con una combinazione di segnali.
  1. m) Al conduttore può essere permesso di toccare le pecore.
  2. n) Il conduttore non può toccare il cane, può solo elogiarlo a voce.
  3. o) Il conduttore deve portare con sé collare e guinzaglio.
  4. p) Durante la competizione, i concorrenti non dovranno essere né aiutati né consigliati da alcuna persona. Il partecipante che dovesse ricevere qualsiasi forma di aiuto verrà squalificato dall’evento.
  1. q) I partecipanti in concorso o in attesa di concorso, devono tenere il proprio cane sotto controllo in ogni momento. Il conduttore e/o il cane che disturbi un altro cane o un partecipante che sta lavorando sarà eliminato e squalificato dalla giornata dell’evento. Al partecipante che è stato disturbato potrà essere data la possibilità di ripetere la prova (rerun) da parte dell’esperto giudice, che deciderà per una completa o parziale ripetizione del percorso.
  1. r) Il conduttore deve il massimo rispetto all’esperto giudice, al direttore di campo, al comitato organizzatore, ai loro collaboratori, agli altri concorrenti e al pubblico. Il suo comportamento deve essere ispirato ad una esemplare educazione sportiva. In particolare devono essere allontanati ed esclusi dalla prova quei concorrenti che fuori o dentro al campo di gara, con frasi sleali, irriguardose o scorrette o con maltrattamenti al cane da loro condotto o al bestiame, rendano incompatibile la loro presenza fra gli altri concorrenti. Chi dovesse incorrere in tali comportamenti potrà essere in seguito denunciato al CLB e all’ENCI per i conseguenti provvedimenti disciplinari.
  1. s) Il proprietario del cane iscritto è responsabile ai sensi dell’Art. 2052 C.C., dei danni arrecati da questo a persone, animali o cose, anche durante lo svolgimento dei Test e delle prove.
  1. LE CLASSI:
  • classe 1: esordienti età minima 12 mesi
  • classe 2: intermedia
  • classe 3: esperti
  • brace: due cani che lavorano insieme
  • fuori concorso
  1. a) I passaggi di classe sono regolati dai risultati conseguiti nelle prove precedenti. Possono iscriversi e concorrere nella classe superiore i soggetti che hanno superato o uguagliato per una volta il 90% dei punti disponibili. Devono iscriversi e concorrere nella classe superiore i soggetti che hanno superato o uguagliato il 80% dei punti disponibili per cinque volte. I cani che si qualificano per una classe superiore possono essere iscritti alla nuova classe a partire dalla prova successiva per cui sono ancora aperte le iscrizioni.
  1. b) Tutte le schede di giudizio consegnate ai concorrenti, devono essere completate e firmate dall’esperto giudice ed includere la seguente informazione: Eccellente (Ecc); Molto Buono (MB); Buono (B); Sufficiente (S), Non qualificato (NQ), a eccezione dei soggetti non iscritti a un libro genealogico, che non sono qualificati.
  1. c) Ai fini del passaggio alla classe superiore sono validi i punteggi ottenuti in:
  • prove ufficiali ENCI/CLB
  • prove ufficiali FCI effettuate in Italia o all’estero

Per i cani provenienti da prove ISDS i risultati ottenuti all’estero saranno riconosciuti in Italia a valle di dichiarazione scritta in bona fide dal proprietario, e trasmessa al CLB. I cani provenienti da prove ISDS saranno autorizzati dal CLB all’iscrizione nella classe più adatta alla loro preparazione. A giudizio del CLB potrà essere richiesta l’esecuzione del Test di lavoro (HWT), per verificare le effettive capacità di lavoro. Sarà ammessa una sola dichiarazione per cane che dovràù servire come documento di ingresso alle prove ENCI/CLB; una volta che il cane avrà sostenuto la prima prova ufficiale la sua classe di appartenenza sarà definita e i seguenti passaggi di classe saranno decisi in base ai Regolamenti ENCI/CLB in vigore.

  1. QUALIFICHE E CLASSIFICHE
  2. a) NHAT e HWT sono test pertanto non è prevista classifica né vincitore.
  3. b) Le Prove suddivise nelle 3 classi, hanno classifica e qualifica; i primi 3 posti non possono essere a pari merito.
  1. c) Qualifiche

Eccellente (Ecc): oltre o uguale l’90% dei punti fino al punteggio massimo

Molto Buono (MB): oltre o uguale il 80% dei punti ed inferiore all’90%

Buono (B): oltre o uguale il 70% dei punti ed inferiore il 80%

Sufficiente (S): oltre o uguale il 60% dei punti ed inferiore il 70%

Non qualificato (NQ): meno del 60%

  1. RIPETIZIONI DEL PERCORSO (RE-RUN)

Nel caso le pecore non si possano gestire, l’esperto giudice, può prendere la decisione di autorizzare una ripetizione del percorso. L’esperto giudice chiede al Direttore di campo di fermare un cane in qualsiasi punto della prova e di effettuare nuovamente il percorso, se ritiene che le circostanze presenti giustifichino tale azione. Questa decisione può essere presa solo dall’esperto giudice. In caso di parziale effettuazione della prova, i punti che i partecipanti avranno ottenuto nella parte di prova non soggetta a ripetizione saranno considerati validi.

  1. RITIRATO

Il concorrente può ritirarsi dalla prova, alza una mano e dice RITIRATO. In situazioni particolari, se il cane non è sotto controllo o se una o più pecore escono dal campo di prova, per il benessere delle pecore e del cane il giudice può chiedere al concorrente di ritirarsi prima di procedere a squalificarlo dalla competizione.

  1. SQUALIFICA DALLA COMPETIZIONE

Motivi di squalifica dalla competizione:

  1. a) il cane non è sotto controllo;
  2. b) il cane perde una o più pecore che escono dal campo di prova;
  3. c) il cane morde una pecora;
  4. d) il cane è ingiustificatamente aggressivo nei confronti dell’uomo o degli animali;
  5. e) comportamento poco sportivo o non accettabile del conduttore;
  6. RECLAMI

Ogni decisione presa dall’esperto giudice in merito a qualifiche dei cani, piazzamenti e punteggi è definitiva e indiscutibile, a meno che l’esperto giudice abbia violato il regolamento in vigore.

I reclami su questo argomento così come i reclami inerenti allo svolgimento della gara devono essere presentati secondo quanto previsto nel Regolamento Generale delle Manifestazioni Canine emesso da ENCI e valido dal 1 Gennaio 2009.

Il presente regolamento entra in funzione dal 1 luglio 2019 e sostituisce il precedente Regolamento Generale Nazionale Prove Di Lavoro Cani Su Ovini.

ENCI-REGOLAMENTO NAZIONALE PROVE DI LAVORO SU OVINI COLLECTING STYLE CS

(solo per Border Collie)

 

INTRODUZIONE

  1. a) L’obiettivo delle prove è quello di valutare la capacità di un Border Collie nel gestire correttamente un gruppo di pecore, secondo lo stile tipico della razza, nonché la sua capacità ad apprendere l’addestramento specifico.
  1. b) Le prove hanno lo scopo di individuare e di far conoscere, ai fini del miglioramento selettivo e dell’allevamento, i soggetti più idonei al lavoro con il bestiame e di preservare queste caratteristiche attitudinali.
  1. c) Le prove devono evidenziare le capacità di far pascolare in modo appropriato e con il minimo stress possibile un gruppo di pecore, nonché le conoscenze e abilità necessarie per un buon utilizzo del cane da pastore.
  1. CONDIZIONI GENERALI
  2. a) Le prove sono organizzate in collaborazione con l’associazione C.L.B. Cani da Lavoro su Bestiame, sotto l’egida dell’ Ente Nazionale della Cinofilia.
  1. b) Per quanto non previsto dal presente regolamento si fa riferimento a quanto previsto nel “Regolamento Generale Prove di lavoro su ovini” e ai regolamenti ENCI sulle manifestazioni canine.
  1. c) In considerazione della variabilità dei campi e delle pecore, è consentita una certa flessibilità sia nelle distanze, sia nel numero di pecore utilizzate nelle tre classi 1, 2, 3.
  1. CANI
  2. a) Le prove Collecting Style sono aperte esclusivamente ai Border Collie
  3. b) Sono ammessi a iscriversi alle prove solo i cani che hanno superato il NHAT e il test di lavoro

HWT Herding Working Test (HWT CS Collecting Style).

  1. c) I soggetti partecipanti alle prove devono essere iscritti in un libro genealogico italiano o straniero riconosciuto dall’ENCI. Soggetti provenienti dalla UK con certificato genealogico ISDS possono partecipare, non saranno né classificati né qualificati, ma riceveranno la scheda di giudizio.
  1. d) I risultati ottenuti all’estero saranno riconosciuti in Italia a valle di dichiarazione scritta in bona fide dal proprietario, e trasmessa al CLB. I cani provenienti da prove ISDS saranno autorizzati dal CLB all’iscrizione nella classe più adatta alla loro preparazione. A giudizio del CLB potrà essere richiesta l’esecuzione del Test di lavoro (HWT) per verificare le effettive capacità di lavoro. Sarà ammessa una sola dichiarazione per cane che dovrà servire come documento di ingresso alle prove ENCI/CLB; una volta che il cane avrà sostenuto la prima prova ufficiale la sua classe di appartenenza sarà definita e i seguenti passaggi di classe saranno decisi in base ai Regolamenti ENCI/CLB in vigore.
  1. e) I cani castrati, monorchidi o criptorchidi possono partecipare ai test e alle prove.
  2. PECORE
  3. a) Le pecore devono essere selezionate in modo tale che tutti i concorrenti possano lavorare con pecore dello stesso tipo. Pertanto, è preferibile che le pecore utilizzate per le prove provengano dallo stesso gregge e siano simili in tipo.
  1. b) Le pecore devono essere abituate a lavorare con i cani, in buone condizioni di salute e forma.
  1. c) Gli agnelli devono essere svezzati; possono essere usati insieme alla madre se sono sufficientemente sviluppati e in buone condizioni.
  1. d) Ogni gruppo di pecore deve essere composto da un minimo di 4 pecore. Il Comitato Organizzatore deve assicurarsi di avere pecore in numero sufficiente in modo tale che ciascun gruppo di animali non si stressi e non venga usato più di tre volte in un giorno. Le pecore devono essere cambiate dopo ogni percorso di prova.
  1. e) Il numero degli iscritti deve essere limitato dagli organizzatori in funzione del numero totale delle pecore disponibili al fine di garantire il rispetto del benessere degli animali di cui sono responsabili il comitato organizzatore e il direttore di campo.
  1. CLASSI

Le prove si articolano in tre classi di difficoltà crescente: Cl. 1, Cl.2, e Cl.3.

Le differenze tra le classi consistono in:

  • maggiore abilità, capacità di reazione e addestramento da parte del cane
  • esercizi di lavoro più difficili
  • meno tempo relativo a disposizione per completare i singoli esercizi
  • maggiore lunghezza del percorso in particolare outrun e drive
  • separazione di pecore non marcate o marcate

N° di pecore e distanze minime raccomandate

Classe1 Classe2 Classe3

Pecore N° 5 4/5 4/5 (2 marcate)

Outran Distanza 100 m 200 m 300 m

Drive lunghezza 75 m 150 m 250 m

Tempo minuti 10 12 15

Esercizi speciali

Imbuto

Passaggio stretto

Shedding Shedding

Recinto Recinto

Recinto

Loading trailer

Singling

Maltese cross

  1. DISPOSIZIONI SPECIFICHE

Area e attrezzature

  1. a) Campo: la superficie minima è 100 X 200 m nella Cl. 1; 200 X 400 in Cl. 3, è preferibile una superficie superiore. è consigliata la recinzione: il confine può essere naturale con siepi o altro o artificiale con rete, in modo da contenere le pecore e il cane. Ci deve essere uno spazio sufficiente attorno agli ostacoli tale da permettere una adeguata manovra da parte dei cani.
  1. b) Recinto: ha un perimetro di circa 10 m, massimo 12 m, con un cancello di circa 2 m. La

corda della porta è lunga circa 2 m

  1. c) Porte: la larghezza delle porte di passaggio è di 7 m circa
  2. d) Cerchio di separazione (shedding ring): ha un diametro di circa 35 m, deve essere

evidenziato con sabbia o altro.

  1. ESERCIZI

6.1 RICERCA (OUTRUN) 20 punti

Il conduttore e il cane devono rimanere nel punto di partenza. Il cane può essere inviato da entrambi i lati.

Un buon outrun dovrebbe essere a forma di pera rovesciata, non troppo dritto o troppo largo, e completarsi senza arresti o comandi. Entrambi possono essere oggetto di penalità. Alla fine dell’outrun, un down lento o il comando di stop non sono penalizzati. Se un cane taglia il percorso (incrocia), verranno tolti da un minimo di 10 punti a un massimo di 19 punti.

L’outrun termina quando il cane avrà raggiunto il punto di equilibrio per condurre le pecore, vale a dire se le pecore si sono spostate, il cane deve fermarsi al punto di equilibrio in modo da essere in una posizione che gli permetta di poterle portare al primo ostacolo seguendo un percorso in linea retta.

6.2 PRESA DI CONTATTO (LIFT) 10 punti

Alla fine dell’outrun, sia che il cane sia fermo, sia abbia semplicemente rallentato, il suo approccio deve essere calmo, cauto e costante. Non dovrebbe correre e spaventare le pecore o mettersi dietro e richiedere numerosi comandi. Il cane non dovrebbe fare troppa pressione sulle pecore.

6.3 RIPORTO (FETCH) 20 punti

Le pecore devono essere condotte in modo continuo e in linea retta dal luogo di sosta del conduttore, passando per la “porta di raccolta”. Il cane non deve affrettarsi o sorpassare le pecore portandole a muoversi a zigzag. Se viene saltata una porta ci sarà una deduzione di mezzo punto per pecora, ma i giudici prenderanno in considerazione tutte le circostanze rilevanti. Alla fine del riporto le pecore devono essere fatte passare dietro al conduttore (che resta fermo al punto di partenza) il più vicino possibile a lui.

6.4 CONDOTTA A DISTANZA DRIVE AWAY 30 punti

In classe 1 il drive si esegue seguendo un percorso rettilineo che termina con il superamento di una porta. Nelle classi 2 e 3 il “Drive” segue un percorso triangolare che può essere eseguito da sinistra a destra o da destra a sinistra secondo la decisione del giudice. La prima parte del triangolo inizia immediatamente dopo il riporto, quando le pecore sono passate dietro al conduttore. Le pecore devono essere spinte secondo una linea retta alla prima porta. Appena le pecore superano la porta, devono girare stretto e essere condotte secondo una linea retta verso la seconda porta.

Quando oltrepassano la seconda porta, devono essere portate il più ordinatamente possibile e in linea retta verso il punto di divisione. Le pecore devono essere fatte muovere in modo continuato.

Velocità eccessiva e troppi arresti non sono auspicabili e saranno penalizzati. Come nel “fetch” le porte servono come guida per l’allineamento delle pecore. La buona gestione nelle situazioni più difficoltose sarà presa in considerazione dal giudice.

6.5 IMBUTO/PASSAGGIO STRETTO ( classe 1) 10 punti

Consiste nel condurre le pecore attraverso un passaggio stretto o un imbuto di cattura, deve essere effettuato dopo il drive.

Il conduttore sceglie il lato da occupare e non può cambiarlo, conduttore e cane collaborano per far passare tutte le pecore all’interno della strettoia.

Cane e conduttore non possono entrare all’interno dell’imbuto/passaggio.

Il giudice può consentire al conduttore di aiutare il cane nello spingere eventuali pecore rimaste all’interno dell’imbuto/passaggio.

E’ da considerare errore grave il passaggio di cane o conduttore all’interno dell’ostacolo e il mancato passaggio di tutte le pecore.

Quando tutte le pecore superano la linea dell’uscita dell’imbuto/passaggio difficile l’esercizio si ritiene concluso e non si può ripetere.

6.6 DIVISIONE (classe 2-3) 10 punti

In classe 2 due pecore non marcate devono venire separate dal resto del gregge. In classe 3 devono essere separate due pecore marcate. La “divisione” ideale si ottiene quando il cane si muove verso il conduttore quando questi lo chiama, divide le pecore e conduce le due pecore isolate tenendole separate dalle altre. La “divisione” termina quando il cane ha le pecore sotto controllo. Al termine della “divisione” il conduttore dovrà radunare le pecore nel recinto, in modo corretto. Il conduttore non può dirigersi verso il recinto se la separazione non viene approvata dal giudice.

6.7 CHIUSURA NEL RECINTO (PEN) 10 punti

Il pen deve avere una dimensione sufficiente per le pecore. Il cancello non sarà inferiore a 2 metri di larghezza con 1,50 m di corda legata ad esso. Al termine della divisione (shedding) il conduttore deve dirigersi verso il pen, lasciando che il cane dapprima mantenga le pecore nella zona individuata allo scopo e poi le guidi verso il recinto.

Il conduttore rimarrà alla porta d’entrata del recinto tenendo la corda in mano fino a che tutte le pecore siano all’interno del recinto e il cancello chiuso. Dopo aver liberato le pecore il conduttore dovrà chiudere il cancello legando la corda altrimenti sarà penalizzato.

6.8 SINGOLO (Singling) (classe 3) 10 punti

Il “Singolo” non è un esercizio obbligatorio.

Per effettuare il singolo il conduttore va nello shedding ring e il cane porta le pecore dal recinto (pen) alla zona di divisione (shedding ring).

Una delle due pecore marcate deve essere separata all’interno dello shedding ring e mantenuta isolata dal cane (all’interno o all’esterno dello shedding ring) a giudizio dell’esperto giudice. Come nel caso della divisione, una volta che il conduttore ha preparato la pecora che deve essere divisa è il cane e non il conduttore che deve portare a termine il lavoro.

La divisione della pecora singola è completa quando il cane è entrato nel gruppo di pecore e posto la pecora da dividere sotto controllo. Il conduttore non può aiutare il cane mentre allontana la pecora.

Come nella divisione, qualora l’esperto giudice pensi che il cane non sia stato messo alla prova in maniera sufficiente a causa della disposizione delle pecore o del loro comportamento, potrà chiedere al conduttore di riunire nuovamente le pecore e ripetere il singolo su una qualunque altra pecora.

6.9 RIMORCHIO (Trailer) (classi 2 e 3) 10 punti

Il carico sul rimorchio può essere inserito al posto della chiusura nel recinto (pen).

Il rimorchio dovrà essere aperto e avere protezioni su entrambi i lati della rampa.

Il conduttore va al rimorchio e si ferma in corrispondenza di uno dei lati, a destra o a sinistra della rampa lasciando il cane impegnato a tenere le pecore nello shedding ring.

Il cane porterà quindi con calma le pecore al trailer percorrendo una linea diritta verso la rampa.

6.10 CROCE MALTESE (classe 3) 10 punti

La Croce Maltese è un esercizio che può essere aggiunto; dovrà comunque essere inserito dopo il drive.

  1. CARATTERISTICHE DELLE CLASSI

7.1 Classe 1

Numero di pecore: da 5 a 10 non marcate.

Distanza outrun: circa 100 metri.

Limite di tempo: 10 minuti. Nessuna estensione.

Punti totali: 100

Outrun 20, Lift 10, Fetch 20, Drive 30, Imbuto/ Passaggio stretto 10, Pen 10

7.2 Classe 2

Numero di pecore: 4/5 non marcate

Distanza outrun: 200 metri. minimo

Limite di tempo: 12 minuti. Nessuna estensione.

Punti totali: 100

Outrun 20, Lift 10, Fetch 20, Drive 30, Shed 10, Pen 10

7.3 Classe 3

Numero di pecore: 4/5 (di cui 2 possono essere marcate).

Distanza outrun: 300 metri minimo (a seconda dell’area)

Limite di tempo: 15 minuti. Nessuna estensione

Punti totali: 100 o 110 punti

Outrun 20, Lift 10, Fetch 20, Drive 30, Shed 10, Pen 10

Totale punti: 100

Esercizi supplementari: (Singling o Croce Maltese): 10 ognuno

Totale con e sercizi supplementari: 110

Esercizio Classe1 Classe2 Classe3

Outrun 20 20 20

Lift 10 10 10

Fetch 20 20 20

Drive 30 30 30

Imbuto/passaggio stretto 10 – –

Shedding – 10 10

Pen o loading trailer 10 10 10

Totale 100 100 100

Totale con esercizio supplementare 110

  1. TEMPO

La misurazione del tempo inizia quando il conduttore invia il cane per l’outrun e termina quando, dopo il rientro delle pecore, il conduttore chiude il cancello.

Il tempo massimo a disposizione è uguale per tutti i concorrenti; sono conteggiati solo i punti degli esercizi terminati entro il tempo limite. Il tempo raccomandato è Cl 1, 10 minuti; Cl 2, 12 minuti; Cl 3, 15 minuti.

  1. VALUTAZIONE E PUNTEGGIO

Il giudice decide quanti punti togliere in funzione degli errori commessi. Possono essere tolti solo punti interi, non decimali.

PUNTEGGIO PARI MERITO

Se i primi due o tre concorrenti in classifica ottengono un pari punteggio, i giudici devono utilizzare i seguenti criteri di valutazione per la classifica:

  1. a) somma dei punti: outrun, lift e fetch
  2. b) se necessario anche dei punti del drive
  3. c) se necessario anche altri punteggi
  4. d) se necessario ripetizione di parte del percorso

ESCLUSIONE DALLA PROVA

Oltre a quanto riportato nel Regolamento Generale, l’esperto giudice, può escludere il concorrente dalla prova in caso di errori gravi; sono considerati tali:

  1. a) Il cane non lavora e abbandona il campo
  2. b) Il cane perde una o più pecore
  3. c) Il conduttore si muove dal picchetto negli esercizi di outrun, lift, fetch, drive
  4. d) Al termine del fetch, far passare le pecore non dietro al picchetto ma davanti ad esso
  5. e) Evitare volutamente di attraversare una delle porte del drive per facilitare il percorso o guadagnare tempo
  1. f) Abbandonare volontariamente la corda del pen per facilitare l’ingresso delle pecore
  2. g) Il conduttore spinge le pecore all’interno del recinto
  3. h) Tenere comportamenti che possano in qualsiasi modo provocare danno alle pecore

squalifica dall’evento: aggressività del cane nei confronti delle pecore o dell’uomo.

Il presente regolamento entra in funzione dal 1 luglio 2019 e sostituisce precedenti regolamenti.

CERTIFICATO D’ATTITUDINE AL CAMPIONATO NAZIONALE DI LAVORO SU BESTIAME (C.A.C.) in Collecting Stile

Il CAC e la Riserva RCAC possono essere attribuiti solo in Classe III a soggetti qualificati ECCELLENTE, se sono presenti nella Classe almeno tre cani, e se non ci sono degli ex equo per il primo e secondo posto.

L’attribuzione di questi titoli non è automatica al raggiungimento del punteggio, ma è l’esperto giudice che valuta se possono essere attribuiti, in funzione del lavoro fatto dal cane che deve essere di qualità eccezionale. Può essere attribuito un CAC per ogni classifica.

CAMPIONE ITALIANO DI LAVORO SU BESTIAME Collecting Stile

Il Consiglio Direttivo dell’ENCI procederà alla proclamazione a campione italiano di Sheepdog ai cani che nel corso della loro carriera abbiano ottenuto in manifestazioni svoltesi in Italia e riconosciute dall’ENCI tre C.A.C., con almeno due esperti giudici differenti, e la qualifica di almenoBuono in una Esposizione di bellezza.

ENCI-REGOLAMENTO NAZIONALE PROVE DI LAVORO SU OVINI TRADITIONAL STYLE TS – INTERRAZZA

(Border Collie esclusi)

INTRODUZIONE

  1. a) Le prove di lavoro su ovini per cani delle razze da pastore conduttori sono manifestazioni cinotecniche organizzate allo scopo di verificare le qualità naturali del cane secondo la razza di appartenenza, nonché la sua attitudine ad apprendere l’addestramento specifico. Le prove hanno lo scopo di individuare e di far conoscere, ai fini del miglioramento selettivo e dell’allevamento, i soggetti più idonei al lavoro con il bestiame.
  1. b) Obiettivo del percorso di gara è: permettere di verificare la capacità del cane di condurre in maniera appropriata un gruppo di pecore nelle diverse circostanze che possono essere incontrate nel lavoro di tutti i giorni e che possono anche presentare una certa variabilità. Le prove devono evidenziare le capacità di gestire correttamente e con il minimo stress possibile un gruppo di pecore, nonché conoscenze e abilità necessarie per un buon utilizzo del cane da pastore. Il lavoro su bestiame permette di preservare le attitudini specifiche delle razze da conduzione ai fini della selezione e dell’allevamento.
  1. c) Le prove Traditional TS o Interrazza rispecchiano il lavoro tradizionale del pastore, tenendo presente la varietà di stile, tipica delle diverse razze di cani da pastore conduttori.
  1. GENERALITÀ

Si fa riferimento a quanto previsto nel “Regolamento Generale Prove di lavoro su ovini” e ai regolamenti ENCI sulle manifestazioni canine.

  1. CANI
  2. a) Sono ammessi alle prove Interrazza (Traditional style) i cani conduttori delle razze da pastore e bovari, comprese nell’elenco ufficiale F.C.I. gruppi 1-2-5 e riconosciuto dall’ENCI, esclusi i Border Collie. Può tuttavia essere autorizzata la partecipazione anche di soggetti di razze diverse da quelle elencate in rapporto ad attività speciali.
  1. b) I soggetti partecipanti alle prove devono essere iscritti in un libro genealogico italiano o straniero riconosciuto dall’ENCI.
  1. c) I soggetti non iscritti a un libro genealogico o non appartenenti a una razza riconosciuta sono ammessi a partecipare; essi non saranno né classificati né qualificati.
  1. d) Sono ammessi a iscriversi alle prove solo i cani che hanno superato il NHAT e il test di lavoro HWT TS.
  1. PECORE
  2. a) Le pecore devono essere selezionate in modo tale che tutti i concorrenti possano lavorare con pecore dello stesso tipo. Pertanto, è preferibile che le pecore utilizzate per le prove provengano dallo stesso gregge e siano simili in tipo e taglia.
  1. b) Le pecore devono essere abituate a lavorare con i cani, in buone condizioni di salute e forma.
  2. c) Gli agnelli devono essere svezzati; se sufficientemente sviluppati, possono essere utilizzati nello

stesso lotto della madre.

  1. d) Ogni lotto di pecore deve essere composto da un minimo di 10 pecore. Sono da preferirsi lotti più numerosi. Nelle prove di classe 3 in cui è in palio il CAC sono da prevedere almeno tre lotti di pecore di almeno 15 pecore cadauno. Il Comitato Organizzatore deve assicurarsi di avere pecore in numero sufficiente in modo tale che ciascun lotto di animali non si stressi e non sia usato più di tre volte in un giorno.
  1. e) Le pecore devono essere cambiate dopo ogni percorso di prova.
  2. f) Il numero degli iscritti deve essere limitato dagli organizzatori in funzione del numero totale delle pecore disponibili al fine di garantire il rispetto del benessere degli animali di cui sono responsabili il comitato organizzatore e il direttore di campo.
  1. CLASSI

Le prove si articolano in tre classi di difficoltà crescente: Classe 1, Classe 2 e Classe 3.

Le differenze tra le classi consistono in:

⁃ maggiore abilità e addestramento da parte del cane

⁃ meno tempo relativo a disposizione per completare gli esercizi

⁃ maggiore durata del pascolo

⁃ maggiore lunghezza del percorso

⁃ maggiore numero di esercizi e ostacoli

⁃ ostacoli più difficili

⁃ maggiore tempo

  1. DISPOSIZIONI SPECIFICHE

Area e attrezzature

Campo: la superficie minima è di 50 x 100 metri, ma è preferibile sia più grande. è consigliata la recinzione: il confine può essere naturale con siepi o altro o artificiale con rete, in modo da contenere le pecore e il cane.

Area di pascolo: con perimetro di almeno 80 metri. Preferibilmente con prato per permettere alle pecore di pascolare. I confini dell’area di pascolo possono essere contrassegnati sui bordi con picchetti, sabbia, segatura, un solco arato, ma sarebbero ideali confini naturali come un sentiero o una striscia falciata.

Ostacoli: possono essere sia naturali (balle, recinzioni, muri di pietra, cespugli e piante), sia artificiali costruiti con appositi pannelli e cancelli adatti a formare diverse combinazioni di ostacoli. Ogni tipo di ostacolo può avere diverse varianti, e pertanto essere idoneo a prestazioni di diversi gradi di difficoltà. Alcuni possono anche essere percorsi in modi diversi; entrandovi o uscendone da punti diversi. Gli ostacoli devono essere sicuri per gli animali e i conduttori. Il giudice può scegliere gli ostacoli da utilizzare e la via per superarli.

Recinto di uscita: deve avere una dimensione adeguata a contenere le pecore.

Recinto di rientro: può essere lo stesso impiegato per l’uscita, o può essere in un altro posto e più piccolo. In Classe 3 può anche essere un rimorchio per il trasporto del bestiame.

Percorso: naturale o simulato con ostacoli ed esercizi naturali e/o artificiali.

Veicolo: un’auto o un altro tipo di mezzo di trasporto per simulare il traffico su una strada (solo in Classe 3).

Tempo: la misurazione del tempo inizia quando il conduttore tocca il cancello del recinto di uscita per aprirlo e termina quando chiude il cancello del recinto di rientro, dopo che tutte le pecore sono rientrate. Il tempo a disposizione è definito dal giudice sulla base del percorso.

Indicativamente il tempo è:

  1. a) 15 minuti in Cl -1;
  2. b) 25 minuti in Cl -2;
  3. c) 35 minuti in Cl -3;

Il tempo massimo a disposizione è uguale per tutti i concorrenti; sono conteggiati solo i punti degli esercizi terminati entro il tempo limite. Pertanto il conduttore deve pianificare con molta attenzione il tempo necessario per l’esecuzione degli esercizi.

  1. ESERCIZI
  2. A) CONTROLLO E CONTENIMENTO

1) Uscita dall’Ovile

Prima di iniziare il conduttore può portare il cane attorno al recinto per favorire un contatto dall’esterno con le pecore.

Dopo l’autorizzazione del giudice il conduttore apre il recinto in modo da permettere l’uscita del gregge. L’uscita deve essere la conseguenza del lavoro attivo del cane. Il conduttore e il cane stabilizzano il gregge all’esterno e il conduttore chiude il cancello mentre il cane controlla il gregge.

Il lavoro deve essere svolto in modo tranquillo: il giudice valuta il comportamento del cane a contatto con il gregge, la sua calma e la sua decisione nell’azione.

Errori gravi:

il cane da troppa pressione insegue e divide le pecore. L’uscita è troppo veloce o le pecore che sono già fuori dal recinto vi rientrano.

2) Pascolo

Scopo: pascolo delle pecore in area non recintata. Permettere alle pecore di pascolare in modo tranquillo in un’area predefinita, è uno degli esercizi più importanti. Le pecore non devono essere disturbate e tantomeno stressate. è però importante che non pascolino al di fuori dei confini dell’area di pascolo.

Descrizione:

Dopo aver portato le pecore nell’area di pascolo (preferibilmente al centro), il conduttore e il cane devono uscire da questa area. Il conduttore ordina al cane di sorvegliare i confini dell’area. Le pecore si tranquillizzano e dovrebbero iniziare a pascolare.

II compito del conduttore e del cane è di osservare che il gregge rimanga nell’area di pascolo, se una pecora lascia lo spazio, il cane deve riportarla all’interno. La modalità dei cani nel proteggere i confini dipende dallo stile di lavoro specifico della razza. La giuria valuta la posizione del cane in relazione a quella del gregge e a quella del pastore, l’abilità del cane nel portare il gregge sul posto e sapercelo mantenere con tranquillità, efficienza ed iniziativa. Il giudice dà un segnale quando le pecore si sono tranquillizzate e il conduttore può ordinare al cane di muovere il gregge per lasciare l’area di pascolo.

Il tempo è a discrezione del giudice e aumenta nelle classi superiori.

Errori gravi: le pecore lasciano l’area delimitata perché il cane non è riuscito a proteggerne i confini; il cane allontana le pecore.

3) Controllo del gregge e presa della pecora

Mentre il gregge è sotto controllo e tranquillo nello spazio indicato, il conduttore prende e trattiene una pecora su indicazione del giudice. Durante questa manovra il cane deve contenere le rimanenti pecore nello spazio indicato, meglio se di sua iniziativa.

Scopo: il conduttore deve prendere una pecora mentre il cane controlla il resto del gregge.

Descrizione: Mentre il gregge è stabilizzato e calmo nello spazio indicato (ovunque, ma meglio all’interno dell’area di pascolo), il conduttore prende e trattiene una pecora per breve tempo.

Durante questo periodo il cane deve contenere il resto del gregge nello spazio indicato, se possibile di propria iniziativa.

In Classe 1 il conduttore deve prendere una pecora a caso.

In Classe 2 il conduttore deve prendere una pecora contrassegnata In Classe 3 il conduttore deve prendere una pecora contrassegnata, farla sedere e/o toglierle un collare o qualcosa di simile.

Il tutto con il minimo stress possibile nel massimo rispetto del benessere animale.

Errori gravi: il cane non riesce a contenere il gregge.

4) Stop

Il percorso prevede degli incroci o attraversamenti di strade dove potrebbero passare dei veicoli.

Scopo: il cane deve essere in grado di bloccare il gregge in ogni circostanza.

Descrizione: l’azione di bloccare il gregge è una manovra considerata molto importante che deve essere svolta dal cane e non dal conduttore. A comando del conduttore il cane deve posizionarsi davanti al gregge. Dopo che il gregge si è fermato prima dell’incrocio, il conduttore verifica che il passaggio sia libero e ordina al cane di riprendere la conduzione del gregge. Il cane gira intorno al gregge per spingerlo da dietro o controllarlo da un lato.

Errori gravi: il cane o il gregge oltrepassano la linea di stop, il cane non è stato coinvolto nell’arresto degli animali, o lo stop è stata fatto troppo lontano dall’incrocio.

5) Coltivo (solo in Classe 2 e 3)

Descrizione: il cane deve proteggere una coltura, reale o simulata, solitamente delimitata da una linea, senza entrare all’interno dell’area protetta mentre il gregge passa esternamente. Se una pecora oltrepassa la linea ed entra nell’area protetta, il cane deve riportarla fuori.

Errori gravi: il cane non protegge in modo corretto l’area. Una o più pecore invadono il coltivo.

6) Passaggio di automezzo (solo in Classe 3)

Scopo: le pecore seguono il conduttore sulla strada, mentre un veicolo procede in direzione opposta, il cane protegge le pecore al passaggio del veicolo, lasciando libero un varco. Descrizione: questo esercizio deve essere eseguito lungo una strada che, se artificiale, deve presentare tutte le condizioni che si possono trovare su una strada reale. La strada deve essere ben delimitata, con almeno un lato dove il gregge si possa allargare per favorire il passaggio dell’automezzo.

Errori gravi: Il cane non controlla adeguatamente le pecore e non libera il passaggio.

7) Rientro (Re pen)

Deve essere eseguito con calma e senza fretta. Il gregge viene stabilizzato in prossimità del recinto e tenuto sotto controllo dal cane mentre il conduttore apre il cancello. Non appena tutte le pecore sono all’interno, il conduttore chiude il cancello mentre il cane protegge la chiusura del cancello.

Con la chiusura del cancello termina la prova e la misurazione del tempo.

Errori gravi: il cane non è in grado di stabilizzare le pecore o di farle rientrare. Le pecore che sono già entrate escono.

8) Protezione e salto (Classe 2 e 3)

Descrizione: il conduttore simula la distribuzione di alimento alle pecore nel recinto. Il cane si dovrà piazzare tra il gregge e il pastore proteggendolo. All’inizio o alla fine dell’esercizio, per proteggere l’entrata o l’uscita del pastore, il cane deve liberare il passaggio del pastore piazzandosi tra il gregge e il recinto. Il conduttore esce dalla porta e lascia che il cane contenga il gregge. Dopo avere richiuso la porta il conduttore richiamerà il cane che dovrà saltare la recinzione per raggiungerlo. Il salto è richiesto a discrezione del giudice.

Errori gravi : le pecore circondano il conduttore cercando in modo forzato di portargli via l’alimento.

  1. B) GESTIONE DEL GREGGE

1) Ostacoli Passaggi difficili

Gli ostacoli dovrebbero essere il più naturali possibili, il numero e la difficoltà dipenderà dalla classe. Alcuni esempi: passaggio di strettoie, tra coltivi, siepi, barriere, fossati, passaggio su un ponte, imbuto di cattura o di smistamento delle pecore, cancello, scivolo, incrocio, slalom.

Il giudice valuta l’approccio del cane, la posizione del conduttore, la posizione del cane, il controllo e la ripresa del possesso del gregge all’uscita dal passaggio. L’entrata del gregge nel passaggio difficile è compito del cane e deve essere eseguita con calma.

Se il passaggio è un ponte, pastore e cane devono passarvi sopra per continuare il percorso, perché, anche se il ponte è artificiale, rappresenta il superamento di una roggia o un torrente troppo profondi per essere guadati. Nel caso di un imbuto di cattura e smistamento il cane può entrare, ma non il conduttore. In questo caso il conduttore si posiziona esternamente al passaggio, nel punto che gli sembra più adatto.

Errori gravi: il cane non ha abbastanza forza per spingere le pecore attraverso l’ostacolo, una o più pecore non superano l’ostacolo. Il cane non è in grado di proteggere le uscite laterali di un ostacolo.

Tutti gli ostacoli non superati o aggirati comportano la perdita di punti attribuibili. Il concorrente non può ripetere l’ostacolo e tentare un altro passaggio.

2) Conduzione del gregge

Scopo: durante gli spostamenti verso la zona di pascolo e tra i differenti ostacoli superati, fino al rientro, il cane deve dimostrare di essere in grado di controllare il gregge in modo che lo stesso si muova e cambi direzione con calma e senza stress.

Descrizione: il cane conduce le pecore verso il conduttore tranquillamente senza stress. Il cane deve accompagnare il gregge in modo calmo e fluido. Il cane deve lavorare a una corretta distanza dal gregge, senza esercitare eccessiva pressione, facendo muovere le pecore in modo fluido impedendo loro di avvicinarsi troppo al conduttore o, al contrario, di allontanarsi troppo da esso.

Errori gravi: il cane perde il controllo del gregge, non è in grado di influenzare il movimento del gregge o permette che una pecora si separi. Il cane fa allontanare le pecore o le insegue e le divide.

3) Lavoro a distanza (solo in Classe 2 e 3)

Scopo: nel lavoro quotidiano del pastore è necessario raccogliere le pecore, raggrupparle e condurle dal pastore per essere spostate in altro pascolo o all’ovile, pertanto il cane deve ricercarle, raccoglierle e riportarle.

Descrizione: il conduttore, mentre è fermo a un picchetto indicato dal giudice, chiama a se il cane e lo invia a raggruppare e recuperare le pecore a una distanza di almeno 35 m in classe 2 e 70 m in classe 3 inviandolo a suo piacimento a destra o a sinistra. La presa di contatto con le pecore e il riporto al picchetto del conduttore devono essere effettuati in modo tranquillo, senza stressare le pecore e lungo il percorso indicato dal giudice.

Errori gravi: il gruppo di pecore è sparpagliato o peggio disperso dal cane che non è in grado di controllarle o di riportarle in modo compatto e tranquillo al conduttore.

4) Condurre lontano (Drive away) (solo in Classe 2 e 3)

Le pecore, spinte dal cane, devono percorrere una linea retta di circa 15 m in classe 2 e 30 m in classe 3 verso una porta o un picchetto, mentre il conduttore rimane fermo al picchetto di partenza.

Errori gravi: le pecore vanno dove vogliono e non seguono la guida del cane, il cane non ha forza sufficiente per spingerle.

  1. C) COMPORTAMENTO E INTELLIGENZA DI ESECUZIONE

Valutazione dell’abilità lavorativa del cane, della docilità, e della sua cooperazione con il conduttore

Scopo: il giudice valuta lo stile, la forza e la docilità del cane oltre alla sua cooperazione con il conduttore durante l’esecuzione degli esercizi, dall’inizio alla fine del precorso. Il cane deve dimostrare di possedere iniziativa, non solo di obbedire ai comandi. Una buona intesa tra il conduttore e il cane si deduce dal modo in cui il cane risponde ai comandi.

Descrizione: il giudice valuta in primo luogo l’attitudine del cane alla pastorizia, che si riflette nello stile di lavoro della sua razza. Il giudice valuta la forza del cane, l’equilibrio nelle reazioni comportamentali, la sua iniziativa e il desiderio di lavorare. Più sono le caratteristiche negative del cane meno sono i punti che può ottenere per la sua attività. Se il cane non è naturalmente predisposto, è difficile motivarlo a comportarsi in modo corretto. I comandi dovrebbero avere effetto sul comportamento del cane, dovrebbero essere dati con calma e in modo convincente.

Comandi inutili o comandi non eseguiti dal cane sono penalizzati.

Obbedienza: deve essere immediata, completa e definitiva, condiziona il buon controllo del gregge.

In situazioni di maggiore difficoltà e con pecore “più difficili”, il giudice potrebbe prendere in considerazione la situazione o valutare positivamente il modo in cui conduttore e cane gestiscono il tutto.

Errori gravi: il cane ignora i comandi. Il cane ha scarso interesse per le pecore. Il cane ha poca potenza.

Errori da squalifica: il cane morde le pecore. Salvo casi eccezionali il cane non deve morsicare le pecore e ogni azione brutale è severamente penalizzata. E’ ammesso un leggero pizzico e tocco, solo se necessario, per tenere controllato il gregge. Morsicate evidenti e inopportune sono causa di un’immediata squalifica dall’evento. Il cane non deve mettere in pericolo le pecore.

7.PUNTEGGIO

I punti, assegnati dalla giuria per ogni esercizio, possono variare in funzione del percorso e della difficoltà dei singoli esercizi. Pertanto i punti massimi elencati sono solo indicativi.

Il concorrente perde dei punti in funzione degli errori commessi. Possono essere tolti solo punti interi, non decimali.

Esercizi/ Exercises Osservazioni/ Observations Punti Persi

Lost Points

Punti

Points

Totale

  1. A) Controllo

45 ______

Uscita/ Exit pen

Stop

Pascolo/ Graze

Presa pecora/ Catch a sheep

Coltivo/ Vegetation (Cl 2 e 3)

Veicolo/ Traffic (Cl 3)

Rientro/ Re-pen

Protezione e salto/ Guarding

and Jump

  1. B) Gestione del gregge

25 ______

Ostacoli/Obstacles

Conduzione

accompagnata /Moving

together

Conduzione via/ Drive away 20 ______

(Cl 2 e 3)

Lavoro a distanza/ Work away

(Cl 2 – 3)

  1. C) Comportamento/

Behaviour

10 ______

Obbedienza/ Obedience

Stile/ Style

Iniziativa/ Initiative

Potenza/ Power

TOTALE 100

Il presente regolamento entra in funzione dal 1 luglio 2019 e sostituisce precedenti regolamenti.

CERTIFICATO D’ATTITUDINE AL CAMPIONATO NAZIONALE DI LAVORO SU BESTIAME (C.A.C.)

INTERRAZZA

Il CAC e la Riserva di CAC possono essere attribuiti solo in Classe 3 a soggetti qualificati ECCELLENTE, se sono presenti nella Classe almeno tre cani, e se non ci sono degli ex equo per il primo e secondo posto.

L’attribuzione di questi titoli non è automatica al raggiungimento del punteggio, ma è l’espertogiudice che valuta se possono essere attribuiti, in funzione del lavoro fatto dal cane che deve essere di qualità eccezionale. Può essere attribuito un CAC per ogni classifica.

CAMPIONE ITALIANO DI LAVORO SU BESTIAME TS

Il Consiglio Direttivo dell’ENCI procederà alla proclamazione a campione italiano di lavoro su bestiame TS, i cani che nel corso della loro carriera abbiano ottenuto in manifestazioni svoltesi in Italia e riconosciute dall’ENCI tre C.A.C., con almeno due esperti giudici differenti, e la qualifica di almeno Buono in una Esposizione di bellezza, in raduno o mostra speciale dove esiste la società specializzata.

ENCI-REGOLAMENTO NAZIONALE HWT TS TEST di LAVORO su BESTIAME HERDING WORKING TEST TS Traditional Style

(esclusi Border Collie)

 

INTRODUZIONE

Il test ha lo scopo di verificare l’attitudine e il lavoro delle razze da pastore per la conduzione del

bestiame al fine di preservare queste specifiche caratteristiche. Il lavoro come pastore è stato l’obiettivo primario di selezione operata dai pastori attraverso i secoli e ha determinato un comportamento tipico con risposte specifiche a determinati stimoli. Oltre alle caratteristiche comportamentali di base del cane da pastore, il test permette di verificare l’attitudine ad apprendere, l’addestramento specifico, l’obbedienza, lo spirito di iniziativa, la docilità e l’equilibrio del carattere.

Il Test ha lo scopo di individuare e di far conoscere, ai fini del miglioramento selettivo e dell’allevamento i soggetti più idonei al lavoro. Il Test rispecchia il lavoro tradizionale del pastore con ovini tenendo presente il grado di variabilità dello stile di lavoro delle diverse razze di cani.

  1. GENERALITÀ
  2. a) Il Test è organizzato in collaborazione con l’associazione C.L.B. Cani da Lavoro su Bestiame, sotto l’egida dell’ Ente Nazionale della Cinofilia.
  1. b) Per quanto non previsto dal presente regolamento si fa riferimento a quanto previsto nel “Regolamento Generale Prove di lavoro su ovini” e ai regolamenti ENCI sulle manifestazioni

canine.

  1. c) L’HWT è in Italia equiparato al corrispondente Herding Working Test TS (HWT TS) FCI.
  2. d) Il “Certificato di Lavoro su Bestiame, HWT TS dell’ FCI” serve per abilitare un cane al titolo di Campione Internazionale di Bellezza, per le razze che lo prevedono.
  1. e) I cani che hanno superato l’HWT possono concorrere in Classe Lavoro nelle esposizioni di bellezza, per le razze che lo prevedono.
  1. f) Il superamento dell’HWT TS abilita alla partecipazione delle prove di lavoro su bestiame Traditional Style.
  1. g) Per alcune razze L’HWT TS è titolo richiesto per iscriversi al registro dei Riproduttori selezionati ENCI.
  1. h) Il test può essere giudicato solo da giudici qualificati per il lavoro su bestiame.
  2. CANI

Il test è aperto ai cani da pastore conduttori, esclusi Border Collie, secondo quanto previsto nel “Regolamento Generale Prove di lavoro su ovini”.

Sono ammessi a iscriversi al HWT solo i cani che hanno superato il NHAT e che abbiano almeno un anno di età.

  1. PECORE
  2. a) Le pecore devono essere selezionate in modo tale che tutti i concorrenti possano lavorare con pecore dello stesso tipo. Pertanto, è preferibile che le pecore utilizzate per il test provengano dallo stesso gregge e siano simili in tipo e taglia.
  1. b) Le pecore devono essere abituate a lavorare con i cani, in buone condizioni di salute e forma.
  1. c) Gli agnelli devono essere svezzati; se sufficientemente sviluppati, possono essere utilizzati nello stesso lotto della madre.
  1. d) Ogni lotto di pecore deve essere composto da un minimo di 10 pecore. Sono da preferirsi lotti più numerosi. Il Comitato Organizzatore deve assicurarsi di avere pecore in numero sufficiente in modo tale che ciascun lotto di animali non si stressi e non venga usato più di tre volte in un giorno.
  1. e) Le pecore devono essere cambiate dopo ogni percorso.
  2. f) Il numero degli iscritti deve essere limitato dagli organizzatori in funzione del numero totale delle pecore disponibili al fine di garantire il rispetto del benessere degli animali di cui sono responsabili il comitato organizzatore e il direttore di campo.
  1. DISPOSIZIONI SPECIFICHE

Area e attrezzature

Campo: la superficie minima è di 50 x 100 metri, ma è preferibile sia più grande. è consigliata la recinzione: il confine può essere naturale con siepi o altro o artificiale con rete, in modo da contenere le pecore e il cane.

Area di pascolo: con perimetro di almeno 80 metri. Preferibilmente con prato per permettere alle pecore di pascolare. I confini dell’area di pascolo possono essere contrassegnati sui bordi con picchetti, sabbia, segatura, un solco arato, ma sarebbero ideali confini naturali come un sentiero o una striscia falciata.

Recinto: deve avere una dimensione adeguata a contenere le pecore.

Percorso: naturale o simulato, dal recinto conduce al pascolo. L’intero percorso è lungo approssimativamente tra i 200-400 metri.

Tempo: la misurazione del tempo inizia quando il conduttore tocca il cancello del recinto di uscita e termina quando, dopo il rientro delle pecore, il conduttore chiude il cancello.

Il tempo massimo a disposizione è uguale per tutti i concorrenti; sono conteggiati solo i punti degli esercizi terminati entro il tempo limite.

  1. ESERCIZI

1) Uscita dall’Ovile (15 punti)

Prima di iniziare il conduttore può portare il cane attorno al recinto per favorire un contatto dall’esterno con le pecore.

Dopo l’autorizzazione del giudice il conduttore apre il recinto in modo da permettere l’uscita del gregge. L’uscita deve essere la conseguenza del lavoro attivo del cane. Il conduttore e il cane stabilizzano il gregge all’esterno e il conduttore chiude il cancello mentre il cane controlla il gregge.

Il lavoro deve essere svolto in modo tranquillo: il giudice valuta il comportamento del cane a contatto con il gregge, la sua calma e la sua decisione nell’azione.

Errori gravi: il cane da troppa pressione insegue e divide le pecore. L’uscita è troppo veloce o le pecore che sono già fuori dal recinto vi rientrano.

2) Pascolo (20 punti)

Scopo: pascolo delle pecore in area non recintata. Permettere alle pecore di pascolare in modo tranquillo in un’area predefinita, è uno degli esercizi più importanti. Le pecore non devono essere disturbate e tantomeno stressate. è però importante che non pascolino al di fuori dei confini dell’area di pascolo.

Descrizione: dopo aver portato le pecore nell’area di pascolo (preferibilmente al centro), il conduttore e il cane devono uscire da questa area. Il conduttore ordina al cane di sorvegliare i confini dell’area. Le pecore si tranquillizzano e dovrebbero iniziare a pascolare.

II compito del conduttore e del cane è di osservare che il gregge rimanga nell’area di pascolo, se una pecora lascia lo spazio, il cane deve riportarla all’interno. La modalità dei cani nel proteggere i confini dipende dallo stile di lavoro specifico della razza. La giuria valuta la posizione del cane in relazione a quella del gregge e a quella del pastore, l’abilità del cane nel portare il gregge sul posto e sapercelo mantenere con tranquillitàà, efficienza ed iniziativa. Il giudice dà un segnale quando le pecore si sono tranquillizzate e il conduttore può ordinare al cane di muovere il gregge per lasciare l’area di pascolo. Il tempo è a discrezione del giudice.

Errori gravi: le pecore lasciano l’area delimitata perché il cane non è riuscito a proteggerne i confini; il cane allontana le pecore.

4) Stop (15 punti)

Il percorso prevede degli incroci o attraversamenti di strade, dove potrebbero passare dei veicoli.

Scopo: il cane deve essere in grado di bloccare il gregge in ogni circostanza.

Descrizione: l’azione di bloccare il gregge è una manovra considerata molto importante che deve essere svolta dal cane e non dal conduttore. A comando del conduttore il cane deve posizionarsi davanti al gregge. Dopo che il gregge si è fermato prima dell’incrocio, il conduttore verifica che il passaggio sia libero e ordina al cane di riprendere la conduzione del gregge. Il cane gira intorno al gregge per spingerlo da dietro o controllarlo da un lato.

Errori gravi: il cane o il gregge oltrepassano la linea di stop, il cane non è stato coinvolto nell’arresto degli animali, lo stop è stato fatto troppo lontano dall’incrocio.

7) Rientro (5 punti)

Deve essere eseguito con calma e senza fretta. Il gregge viene stabilizzato in prossimità del recinto e tenuto sotto controllo dal cane mentre il conduttore apre il cancello. Non appena tutte le pecore sono all’interno, il conduttore chiude il cancello mentre il cane protegge la chiusura del cancello. Con la chiusura del cancello termina il test e la misurazione del tempo.

Errori gravi: il cane non è in grado di stabilizzare le pecore o di farle rientrare. Le pecore che erano già entrate escono.

Conduzione del gregge (30 punti)

Scopo: durante gli spostamenti verso la zona di pascolo e tra i differenti passaggi, fino al rientro, il cane deve dimostrare di essere in grado di controllare il gregge in modo che lo stesso si muova e cambi direzione con calma e senza stress.

Descrizione: il cane conduce le pecore verso il conduttore tranquillamente, senza stress. Il cane deve accompagnare il gregge in modo calmo e fluido. Il cane deve lavorare a una corretta distanza dal gregge, senza esercitare eccessiva pressione, facendo muovere le pecore in modo fluido impedendo loro di avvicinarsi troppo al conduttore o, al contrario, di allontanarsi troppo da esso.

Errori gravi: il cane perde il controllo del gregge, non è in grado di influenzare il movimento del gregge o permette che una pecora si separi. Il cane fa allontanare le pecore o le insegue e le

divide.

COMPORTAMENTO E INTELLIGENZA DI ESECUZIONE (15 punti)

Scopo: il giudice valuta lo stile, la forza e la docilità del cane oltre alla sua cooperazione con il conduttore durante l’esecuzione degli esercizi, dall’inizio alla fine del precorso. Il cane deve dimostrare di possedere iniziativa e non solo di obbedire ai comandi. Una buona intesa tra il conduttore e il cane si deduce dal modo in cui il cane risponde ai comandi.

Descrizione: il giudice valuta in primo luogo l’attitudine del cane alla pastorizia, che si riflette nello stile di lavoro della sua razza. Inoltre valuta la forza del cane, l’equilibrio nelle reazioni comportamentali, la sua iniziativa e il desiderio di lavorare. Più sono le caratteristiche negative del cane meno sono i punti che può ottenere per la sua attività. Se il cane non è naturalmente predisposto, è difficile motivarlo a comportarsi in modo corretto. I comandi dovrebbero avere effetto sul comportamento del cane, dovrebbero essere dati con calma e in modo convincente.

Comandi inutili o comandi non eseguiti dal cane sono penalizzati.

Obbedienza: dovrebbe essere immediata, completa e definitiva: condiziona il buon controllo del gregge.

In situazioni di maggiore difficoltà e con pecore difficili, il giudice deve tenere in considerazione la situazione per valutare il modo in cui conduttore e cane gestiscono il tutto.

Errori gravi: il cane ignora i comandi. Il cane ha scarso interesse per le pecore. Il cane ha poca potenza.

Errori da squalifica: il cane morde le pecore.

Salvo casi eccezionali il cane non deve morsicare le pecore e ogni azione brutale è severamente penalizzata. E’ ammesso un leggero pizzico e tocco, solo se necessario, per tenere controllato il gregge. Morsicate evidenti e inopportune sono causa di un’immediata squalifica dall’evento. Il cane non deve mettere in pericolo le pecore.

VALUTAZIONE E PUNTEGGIO

Gli esercizi prevedono un punteggio massimo da assegnare, il giudice decide i punti da togliere per ogni esercizio. Il giudice può togliere solo numeri interi, non decimali.

Per superare l’HWT sono necessari almeno 60 punti su 100 disponibili.

Il presente regolamento entra in funzione dal 1 luglio 2019 e sostituisce precedenti regolamenti.

TEST di LAVORO su OVINI HERDING WORKING TEST CS Collecting Style HWT CS

(solo Border Collie)

INTRODUZIONE

Il test è effettuato per valutare la capacità di un Border Collie di gestire correttamente un gruppo di pecore secondo lo stile tipico della razza, dopo aver ricevuto un adeguato addestramento. Oltre alle caratteristiche comportamentali di base del cane da pastore, il test permette di verificare l’attitudine ad apprendere, l’addestramento specifico, l’obbedienza, lo spirito di iniziativa, la docilità e l’equilibrio del carattere.

Il superamento dell’HWT CS è necessario per partecipare alle prove di lavoro su bestiame e è raccomandato agli allevatori al fine di non perdere le caratteristiche attitudinali e di lavoro proprie

dei Border Collie, che sono state l’obiettivo principale di selezione della razza per centinaia di anni.

Il cane deve dimostrare di avere le basi per diventare un buon cane da lavoro su gregge. Il cane deve:

a) Condurre le pecore fuori dal recinto e stabilizzarle

b) Gestire le pecore in conduzione

c) Ricercare e riportare le pecore

d) Gestire le pecore nel drive away

e) Stabilizzare le pecore e richiuderle nel recinto

GENERALITÀ

a) Il Test è organizzato in collaborazione con l’associazione C.L.B. Cani da Lavoro su Bestiame, sotto l’egida dell’ Ente Nazionale della Cinofilia.

b) Per quanto non previsto dal presente regolamento si fa riferimento a quanto previsto nel “Regolamento Generale Prove di lavoro su ovini” e nei regolamenti ENCI sulle

manifestazioni canine.

c) L’HWT è in Italia equiparato al corrispondente Herding Working Test CS (HWT CS) FCI.

d) Il “Certificato di Lavoro su Bestiame, HWT CS dell’ FCI” serve per abilitare un cane al titolo di Campione Internazionale di Bellezza

e) I cani che hanno superato l’HWT possono iscriversi in Classe Lavoro nelle esposizioni di bellezza

f) Il superamento dell’HWT abilita alla partecipazione delle prove di lavoro su bestiame Collecting Style.
g) L’HWT CS è titolo richiesto per iscriversi al registro dei Riproduttori selezionati ENCI.

h) Il test può essere giudicato solo da giudici qualificati per il lavoro su bestiame.

CANI

a) Il test è aperto esclusivamente alla razza Border Collie, secondo quanto previsto nel “Regolamento Generale Prove di lavoro su ovini”.

b) Sono ammessi a iscriversi al HWT CS solo i cani che hanno superato il NHAT e che abbiano

almeno un anno di età.

  1. PECORE

a) Le pecore devono essere selezionate in modo tale che tutti i concorrenti possano lavorare con pecore dello stesso tipo. Pertanto, è preferibile che le pecore utilizzate per il test provengano dallo stesso gregge e siano simili in tipo e taglia.

b) Le pecore devono essere abituate a lavorare con i cani, in buone condizioni di salute e forma.

c) Gli agnelli devono essere svezzati; se sufficientemente sviluppati, possono essere utilizzati nello stesso lotto della madre.

d) Ogni lotto di pecore deve essere composto da un minimo di 10 pecore. Il Comitato Organizzatore deve assicurarsi di avere pecore in numero sufficiente in modo tale che ciascun lotto di animali non si stressi e non venga usato più di tre volte in un giorno.

e) Le pecore devono essere cambiate dopo ogni percorso.

Il numero degli iscritti deve essere limitato dagli organizzatori in funzione del numero totale delle pecore disponibili al fine di garantire il rispetto del benessere degli animali di cui sono responsabili il comitato organizzatore e il direttore di campo.

  1. DISPOSIZIONI SPECIFICHE

Campo: la superficie minima è di 75 x 150 metri, ma è preferibile sia più grande. È consigliata la recinzione: il confine può essere naturale con siepi o altro o artificiale con rete, in modo da contenere le pecore e il cane.

Recinto (Pen): deve misurare almeno 10 metri di perimetro con un cancello di almeno 2 m e una corda della lunghezza di circa 2 m.

Percorso: Il giudice definisce il percorso da intraprendere in conduzione, con 4 cambi di direzione.

L’intera conduzione deve essere almeno di 150 metri.

  1. TEMPO

La misurazione del tempo inizia da quando il conduttore tocca il cancello di apertura del recinto.

Il giudice durante il briefing comunica il tempo massimo, 15 minuti è il tempo raccomandato. Il tempo massimo a disposizione è uguale per tutti i concorrenti; sono conteggiati solo i punti degli esercizi terminati entro il tempo limite.

  1. ESERCIZI

5.1 Uscita dal Recinto Pen 10 punti

Il conduttore rimane fuori dal recinto e invia il cane all’esterno del recinto per fare uscire le pecore, può decidere anche di farlo entrare, ma è raccomandato tenerlo fuori. Il cane fa uscire le pecore, il conduttore può aiutare. Una volta uscite le pecore sono stabilizzate e tenute sotto controllo dal cane, mentre il conduttore richiude la porta del recinto.

L’esercizio finisce quando il conduttore manda il cane a riprendere il gregge per iniziare la  condotta accompagnata.

Errori gravi : il cane rincorre o divide le pecore, escono troppo velocemente, rientrano nel recinto, il conduttore non richiude il recinto.

5.2 Condotta accompagnata 15 punti

Il conduttore cammina davanti alle pecore e il cane sta dietro le pecore. Il percorso prevede almeno 4 cambi di direzione, in punti prefissati, su una distanza di circa 150 metri. Il cane deve camminare in modo calmo senza pressare in modo sconsiderato le pecore. Si raccomandano pochi ordini per meglio evidenziare l’attitudine del cane.

Errori gravi : il cane perde il controllo del gregge, non spinge o spinge troppo, le pecore incalzano il conduttore.

5.3 Condotta a distanza Drive away 15 punti

Il conduttore rimane fermo al picchetto e il cane spinge le pecore verso un picchetto o una porta indicati dal giudice seguendo una linea possibilmente dritta, per una distanza di circa 25 metri.

Quando le pecore arrivano al picchetto segnalato il conduttore richiama il cane e l’esercizio termina.

Errori gravi : le pecore non raggiungono il punto indicato, il cane perde il controllo delle pecore 5.4 Ricerca Outrun 15 punti

Il conduttore rimane fermo al picchetto e invia il cane a raccogliere le pecore che sono a una distanza di circa 75 metri e sono tenute al posto da un cane di servizio. Il cane può essere inviato da entrambi i lati. Il conduttore possibilmente darà un solo comando, il cane deve avvicinarsi alle pecore senza stressarle. L’outrun termina quando il cane si porrà dietro le pecore.

Errori gravi : il cane incrocia il percorso, non trova le pecore, torna al picchetto, spinge via le pecore o le divide.

5.5 Presa Di Contatto (Lift) 10 punti

Alla fine dell’outrun, sia che il cane sia fermo, sia abbia semplicemente rallentato, il suo approccio con le pecore deve essere calmo, cauto e costante. Non deve correre e spaventare le pecore o richiedere numerosi comandi. Il cane non dovrebbe fare troppa pressione sulle pecore e mettersi nella posizione corretta per riportarle al conduttore.

Errori gravi : perde il controllo delle pecore, non spinge, non muove le pecore.

5.6 Riporto (Fetch) 15 punti

Le pecore devono essere condotte in modo tranquillo e continuo al picchetto dove sosta il conduttore, passando per una porta e seguendo una linea diritta. Il cane non deve spingere troppo o sorpassare il gregge.

Errori gravi : il cane perde il controllo delle pecore, le pecore passano fuori dalla porta, si muovono a zigzag.

5.7 Rientro nel recinto pen 10 punti

Il conduttore dopo aver stabilizzato le pecore in prossimità del recinto, apre la porta, tenendo la corda in mano e il cane farà entrare tutte le pecore all’interno del recinto. l conduttore chiude il cancello con la corda. Il conduttore può aiutare.

Errori gravi: Pecore non stabilizzate, non entrano tutte o riescono dal pen.

5.8 Stile e comportamento 10 punti

  1. a) Il cane deve lavorare secondo lo stile del Border Collie, bilanciando correttamente.
  2. b) Il giudice valuta l’attitudine del cane, la sua potenza, la sua iniziativa e desiderio di lavorare
  3. c) Il cane deve comportarsi in modo corretto verso persone e pecore.
  4. d) Deve mostrare attitudine alla collaborazione con il conduttore, essere ubbidiente e rispondere ai comandi.
  5. e) Non deve stressare eccessivamente il gregge.
  6. f) Pizzicare in modo aggressivo porta alla squalifica dall’evento.

Errori gravi: Il cane ignora i comandi, non mostra interesse verso il gregge, ha poca forza nella spinta o al contrario eccesso di aggressività.

TOTALE: 100 punti

Il punteggio minimo per superare il test è 60 punti su 100.
Il presente regolamento entra in funzione dal 1 luglio 2019 e sostituisce precedenti regolamenti.